Nella formazione di ASLAM c’è “un tocco umano diverso”

Per spiegare come è capitata in ASLAM, nella sede di Malpensa e nel corso di Operatore Logistico, Giada parte da sua sorella: “Ha lasciato la scuola che frequentava per venire in ASLAM. Ho notato che da allora ha cambiato umore e la vedevo più soddisfatta. Questa mutazione mi ha colpita e ho voluto seguire la sua strada”. Ha dunque lasciato a sua volta la scuola che frequentava per venire in ASLAM, scegliendo il corso di Logistica “perché mi hanno spiegato che ha numerosi sbocchi lavorativi”. Come è accaduto a sua sorella, “anche a me il nuovo corso di studi ha cambiato la vita. In ASLAM, infatti, c’è un tocco umano diverso. Qui infatti noi studenti veniamo guardati e giudicati in base a tutta la nostra persona, non solo rispetto ai voti, e grazie a ciò ci sentiamo valorizzati e trattati da adulti, come dovrebbe accadere in ogni aspetto della vita, anche nel lavoro”.

Durante l’ultimo stage presso un punto vendita de Il Gigante, Giada si è occupata di rifornimenti e ordinazioni, compiti che a un certo punto le hanno lasciato svolgere in autonomia. Il risultato deve essere stato soddisfacente, visto che la catena di negozi ha deciso di assumerla con un contratto di apprendistato e la giovane è contentissima! “Non vedo l’ora di iniziare” dice Giada: “L’apprendistato mi permetterà di acquisire maggiore consapevolezza nei confronti del mondo del lavoro, di rendermi anche autonoma, in un certo senso, grazie al salario che riceverò”. Ma c’è di più: “Durante lo stage ho cercato di dare il meglio di me, guardando con curiosità tutto quello che avevo attorno, ponendo domande, impegnandomi al 100% in ogni attività. Insomma, avevo ed ho proprio voglia di imparare”. E nel futuro? “Mi piacerebbe sperimentare più ambiti della logistica, per trovare quello più adatto a me. Perciò proseguirò con il quarto anno per ottenere il diploma e a quel punto valuterò se proseguire gli studi accedendo a un ITS” conclude Giada.

Nella foto, Giada con la sua tutor Elena